Brand e Social Media, una relazione importante anche nel 2017

Inutile nasconderlo, fare comunicazione attraverso i social media è da qualche anno – e rimarrà tale anche per il 2017 – uno dei modi più efficaci e immediati per raggiungere il proprio target di riferimento.

Tutto perfetto se non avessimo tralasciato una cosa fondamentale: il contenuto, cioè cosa dire al nostro pubblico, a un’audience che per il 2017 chiede contenuti di qualità, non solo per come vengono formulati, ma soprattutto per l’utilità che possiedono.

Contenuti in grado di attirare l’attenzione e che forniscano informazioni interessanti e risposte che l’utente sta realmente cercando, sono sicuramente la via principale per fare centro.

Qualità, rilevanza e coinvolgimento i tre aspetti fondamentali che il messaggio deve avere per portare valore aggiunto al target di riferimento per il brand.

1.Scegli il target e instaura un dialogo per colpire al cuore il tuo pubblico

Sapere a chi stiamo parlando è fondamentale per stabilire il messaggio da veicolare, il linguaggio e le piattaforme con le quali veicolarlo. Ecco perché un piano di comunicazione, anche in ambito Social Media, deve partire dalla selezione del target al quale il nostro brand vuole comunicare. Al bando un target generalizzato e poco selezionato, i nuovi strumenti e l’analisi dei big data rendono possibile la selezione di un pubblico sempre più in linea e caratterizzato, grazie alla possibilità di conoscere comportamenti d’acquisto o interessi che possano formare dei micro segmenti di audience a cui possiamo mostrarci con offerte mirate, per essere “la risposta giusta al momento giusto”.

E per capire se riusciamo a raggiungere il nostro obiettivo è necessario che il team aziendale dedicato alla comunicazione, Social Media compresi, sia in grado di analizzare le metriche riguardo interazioni ed engagement. Ovviamente le interazioni cresceranno al crescere dell’efficacia del canale da noi scelto per comunicare, non importa essere presente su ogni Social Media, quello che conta veramente è scegliere il canale migliore per raggiungere il nostro pubblico e su questi presentarsi con un profilo adeguato ed aggiornato: nulla dev’essere lasciato al caso!

Parliamo di canali social e non di canale perché gli utenti nel 2017 saranno sempre più connessi al mondo della rete e del web, da più dispositivi e con diversi social anche dipendenti dal momento della giornata in cui si va a colpire il target, trasformando i social media da meri canali di svago, in strumenti attraverso i quali il cliente richiede informazioni (e pretende delle risposte), o ricerca le opinioni di altri utenti che, come lui, stanno optando per quel prodotto.

Le conseguenze? Drammatiche se non si cura la propria posizione online e non si risponde in modo tempestivo al customer care. Ottime se si dimostra di essere “sul pezzo” tanto che in un attimo il passaparola e le recensioni positive renderanno il brand un vero e proprio top of mind.

Riassumendo: se vogliamo individuare davvero il nostro target di riferimento è importante che impariamo ad ascoltare. Il nostro utente ci comunica ciò che sta cercando sulla nostra pagina Facebook o sul nostro sito internet ed è importante che, una volta carpita la necessità, la nostra comunicazione e l’organizzazione delle nostre informazioni sul web sia improntata a rispondere alle domande che l’audience ci fa in modo chiaro e diretto costruendo un contenuto che si dimostri efficace ed utile, ma di questo parleremo nel paragrafo successivo.

2.Scrivere contenuti dal valore aggiunto: la richiesta dell’audience per il 2017

Basta con milioni di informazioni confusionarie e martellanti che rendono difficile al pubblico trovare quello che cerca, è ora di scrivere contenuti utili, chiari, che vadano diretti al punto. Riempire il web e i social con parole e informazioni che non interessano alla maggior parte del nostro pubblico rischia di sortire l’effetto contrario: unlikes e abbandono delle pagine.

Le linee guida per il 2017 sono:

  1. Scegli la tua comunicazione e applicala a tutti i tuoi canali. Nella strategia integrata di contenuti e messaggi, tieni una linea comunicativa ed adattala ai diversi canali online ed offline, social media compresi
  2. Fai una prova. Una volta scelti i canali e il messaggio, testalo, prova l’efficacia della campagna o della comunicazione. Se non ottieni i risultati sperati, cambia!
  3. Long Tail Strategy. Niente più messaggi generici, spazio a contenuti specifici in grado di soddisfare le richieste dell’utente, sempre molto precise
  4. Un’immagine o un video valgono più di mille parole. È ormai provato che inserire una bella immagine o un video all’interno di un post o di un messaggio attira di più l’attenzione che un testo, anche se ben scritto; ecco perché è importante pensare anche alla comunicazione visiva quando si tratta di parlare al target che abbiamo selezionato

Social media, trend in crescita anche per il 2017

Il 2016 ha registrato una crescita eccezionale per il web e il mondo social media, con più della metà della popolazione mondiale connessa e per il 2017 le previsioni non registrano cali.

Uno è il dato davvero rilevante: la maggior parte delle connessioni avvengono tramite dispositivi mobili, che generano anche il più alto tasso di traffico online. Il significato? Studiare strategie di comunicazione improntate sul mobile è la strada vincente per entrare nel cuore e nelle abitudini del consumatore.

Secondo le statistiche, infatti, gli utenti connessi ad internet a livello mondiale rappresentano il 50% della popolazione e di questi il 46% lo fa da mobile. Ciò vuol dire che gli accessi desktop stanno diminuendo sempre di più per lasciare spazio alla consultazione dei social media e dei motori di ricerca attraverso smartphone e tablet.

In particolare due sono le osservazioni che devono farci riflettere: innanzitutto i social media si sono convertiti in veri e propri motori di ricerca e quindi rappresentano il luogo ideale dove intercettare i consumatori con lo scopo di aumentare interazioni, interesse e vendite; secondo, l’emergere del Dark Social, ossia tutto il dialogo che vede protagonisti i brand, ma non direttamente sui loro canali. Blog e forum sono pieni zeppi di opinioni ed emozioni di chi ha già acquistato i prodotti: un canale non nostro, ma da monitorare come se fosse tale.

Il 2017 è appena iniziato, ma c’è molto da fare per i brand che vogliono sfruttare al meglio i social media e la comunicazione online, buon lavoro team di comunicatori e che la forza sia con voi!

Fonte: Ninja Marketing

Nessun commento ancora

Lascia un commento