Facebook lancia Marketplace: una sezione dedicata alla compravendita di oggetti

Un posto dove la gente cerca connessioni: è questa l’immagine che di Facebook sembrano avere da casa Zuckerberg, anche quando queste connessioni vanno oltre le logiche di condivisione di foto, status update, informazioni e tutto ciò che rientra nella sfera “amicale” e assumono un valore di business. Anche senza considerare che il grosso delle attività sul social sono oggi attività aziendali o di brand, infatti, Facebook è usato sempre più spesso per fare network professionale per esempio, o come luogo “naturale” per i propri acquisti online.

Una rilevazione riportata in una nota ufficiale ha sottolineato, a tal proposito, come i più popolari tra i gruppi Facebook fossero proprio quelli per la compravendita di oggetti: oltre 450 milioni di persone, dalle famiglie a caccia di occasioni ai collezionisti di pezzi rari in giro per il mondo, li visitano ogni mese. E non stranisce, allora, il tentativo di Facebook di penetrare anche nel settore del mobile commerce con strumenti ad hoc.

Dopo l’esperimento del Local Market, infatti, Zuckerberg&Co sono pronti a lanciare la nuova funzione Marketplace: «un posto dove trovare comodamente le cose che ti piacciono o cercare una nuova casa per quelle da cui vuoi separarti», scrivono dal Product Management. La nuova sezione, per il momento disponibile solo in Stati Uniti, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda e per i soli utenti maggiorenni, sarà consultabile a partire dalla icona shop sull’app di Facebook.

Una volta “entrati” in Marketplace si potrà navigare una galleria di oggetti messi in vendita da utenti della propria zona. Se si sta cercando qualcosa di specifico, si potranno consultare le diverse sezioni (Arredamento, Elettronica, Accessori, etc.) e una funzione di ricerca personalizzata permetterà di settare parametri come le fasce di prezzo, la città di riferimento o la distanza dal venditore. Una volta trovato quello che si sta cercando si potrà accedere a una scheda con tutte le informazioni sul prodotto (foto, descrizione, prezzo, dettagli sullo stato, etc.) e sul venditore, ovviamente a partire dal profilo Facebook. Quando si avrà scelto di acquistare l’oggetto, per finire, Marketplace permetterà di contattare direttamente l’utente ma – precisano da Facebook – «da questo momento in poi venditore e acquirente possono contrattare i dettagli nel modo che reputano più opportuno. Facebook non si occupa di pagamenti o spedizioni all’interno di Marketplace».

Se non si vuole comprare subito un oggetto lo si può inserire tra i preferiti e una sezione apposita offrirà un riepilogo della propria attività su Marketplace. Anche per chi decida di mettere in vendita su Marketplace oggetti che non usa più, per finire, bastano pochi passi: si carica una foto del prodotto, se ne scrive una breve descrizione, si scelgono un prezzo, una categoria e una zona di riferimento e, volendo, si condivide l’annuncio anche sugli appositi gruppi per la compravendita. Chiunque, a quel punto, potrà vedere l’oggetto in vendita e decidere di acquistarlo o inserirlo nella wish list.

Mentre si aspetta il roll out di Marketplace anche nei restanti paesi, cosa che dovrebbe avvenire nei prossimi mesi insieme al rilascio di una versione desktop, insomma, non resta che costatare il movimento sempre più chiaro di Facebook verso la direzione di “assistente digitale” dell’utente, in tutte le sue attività, di intrattenimento o business che siano.

Fonte: Inside Marketing

Nessun commento ancora

Lascia un commento