Social media: tutti gli errori da evitare

Per usare con efficacia i social media esistono molte guide, consigli e tattiche disponibili online che tuttavia spesso non funzionano più o possono essere controproducenti.

Smart Insights ha stilato un elenco degli errori più comuni commessi nella gestione dei profili social aziendali e ha fornito dati aggiornati a conferma dell’inefficacia di alcune pratiche.
Per l’engagement, acquisire autorevolezza e accrescere il numero di fan e follower è opportuno prima di tutto conoscere gli errori da non fare, prima di pianificare una strategia vincente sui social.

Usare troppi hashtag è uno sbaglio: non solo aggiungere più di tre tag in un post è inutile, ma potrebbe essere peggio che non usarne affatto. Inoltre l’efficacia degli hashtag varia in base alla piattaforma social. Difficilmente si riscontra una vera efficacia degli hashtag su Facebook e Google+, mentre si possono ottenere buoni risultati su Twitter, usandone pochi, e su Instagram, dove gli hashtag ottengono un ottimo riscontro.

Postare gli stessi contenuti su piattaforme social differenti influenza l’efficacia degli stessi. A fronte di un risparmio di tempo si perdono di vista i punti di forza di ogni social, perciò il contenuto di un post deve variare a seconda della piattaforma usata.

Come mostrato dal grafico, ci sono molte differenze anche nei device usati per accedere ai social: Linkedin, ad esempio, è usato maggiormente da desktop, mentre Twitter e Pinterest quasi esclusivamente da mobile.

I messaggi diretti automatici non generano engagement autentico: le statistiche dimostrano che la maggior parte degli utenti trova questi messaggi fastidiosi e nonostante ciò, molte aziende usano ancora questo genere di servizi. È preferibile interagire meno spesso con gli utenti ma farlo in modo spontaneo, poiché i messaggi automatici rischiano di far perdere quello che si è guadagnato in precedenza.

Investire nella qualità piuttosto che nella quantità è un altro segreto che occorre conoscere: Smart Insights riporta che gli utenti preferiscono seguire un brand che posta contenuti che vale la pena condividere anziché chi posta di continuo sui propri profili social.

Fonte: Enlabs

social media

 

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento