sito e-commerce o social?

Sarà capitato sicuramente di trovare negozi che vendessero su Facebook o addirittura su Whatsapp, canali insoliti per acquistare online ma così straordinariamente efficienti da far pensare ad un eventuale declino dei siti e-commerce. Ma vediamo se è davvero così. Non c’è dubbio che whatsapp, che supera 1 miliardo e 400mila utenti in tutto il mondo, sia l’applicazione di messaggistica più utilizzata, nella versione Business si può associare un telefono fisso, per dare comunicazione rapide, veloci ed efficienti ai clienti più esigenti o a quelli che non hanno o non possono controllare la mail in ogni momento. E’ ovvio che la vendita su whatsApp Business diventa uno strumento di correlazione con il sito e-commerce che, personalmente, è sempre il primo contatto con l’utente, perché è un approccio visivo, dove il prodotto si esamina tramite le funzionalità di zoom, e che rappresenta il biglietto da visita di un venditore: senza sito la vendita risulta aleatoria, infondata, che sa di fregatura. La nostra proposta commerciale si basa quindi comunque su un sito e-commerce, che amplia la propria vendita sui social, collegando la vetrina di Facebook e il tag prodotti su Instagram se si verificano particolari condizioni e il contatto confidenziale con il cliente tramite whatsApp completa una ricetta esplosiva per l’incremento delle vendite online, su ogni canale possibile, supportato anche dalla pianificazione di post e sponsorizzazioni ad ampio raggio. Il confine del commercio sta cambiando, investendo budget significativamente ridotti rispetto ai primi anni si gode di impressioni e si arriva laddove non si sarebbe mai pensato di arrivare.

I commenti sono chiusi